Meraviglie in Alta Valsesia

Da tempo desideravo fare un salto in Alta Valle dove sono presenti dei veri e propri gioielletti alpini.

Sono capitata a RIVA VALDOBBIA, frazione di Alagna, ex provincia di Vercelli.

Riva Valdobbia si trova a 1112 m di quota, alla confluenza tra Sesia e torrente Vogna, sotto alcune cime imponenti (Carnera e Tignoso), ma soprattutto da questo terrazzo naturale si può ammirare il versante sud del Monte Rosa.

Anticamente Riva era unita ad Alagna nella comunità delle ” Pietre Gemelle” (Prismell); quando iniziò l’ espansione dei Walser, provenienti da Gressoney-Saint-Jean (Valle d’ Aosta), questi luoghi pare fossero già abitati dal 1300 dai Valsesiani.

abitazione in stile walser a Riva Valdobbia

Le due culture si fusero e le tipiche abitazioni ne sono testimonianaza.

Casa Micheletti a Riva V.

Questo è anche un territorio di artisti: pittori e scultori . . . come la famiglia walser di Alagna, D’Enrico, una stirpe di pittori molto noti, tra cui spicca il nome di Antonio detto ” Tanzio di Varallo“, che fu a Roma, alla scuola del Caravaggio, e più tardi attivo al Sacro Monte di Varallo, con il fratello minore Melchiorre.

Nella piazzetta del paese è ubicata la stupenda parrocchiale, dedicata dal 1760 a San Michele Arcangelo. Colpisce subito la spettacolare facciata, risalente al quattrocento, e affrescata agli inizi del 1600, il cui tema è il GIUDIZIO UNIVERSALE. Gli esperti hanno individuato un certo gusto iconografico diffuso nella arte nordica, pertanto ritengono che possa essere attribuito ad un cugino dei fratelli D’ Enrico, anch’egli di nome Melchiorre, che soggiornò per qualche tempo in Bassa Sassonia.

Melchiorre, fratello di Tanzio, si occupò del gigantesco San Cristoforo, che si può vedere alla base del campanile di sinistra.

L’edificio è il frutto di un ampliamento e rimaneggiamento dell’ Oratorio dedicato a Santa Maria, risalente al ‘400; il portale reca incisa la data (1326) e la separazione dalla parrocchia di Scopa.

Anche all’ interno della chiesa non mancano opere degne di nota. Affreschi settecenteschi e tele di artisti valsesiani come CARLO BORSETTI, varallese, ottimo esponente del tardo barocco, molto attivo sul territorio, dal Sacro Monte di Varallo alla Basilica di San Giulio, sul Lago d’ Orta.

E ancora, GIOVANNI ANTONIO SALVATORE ORGIAZZI, detto Antonio il Vecchio, di fine ‘700, attivo al Sacro Monte di Varallo, in collaborazione per circa 20 anni con il Borsetti. Ai due è attribuibile la volta della cupola.

volta affrescata

Notevole l’ Altare maggiore, in marmo (1749); gli Stalli lignei del Coro; il Pulpito del 1760 e l’ Organo del 1791 opera dell’ organaro valsesiano GIOVANNI ANTONIO ZALI.

altare maggiore

la parrocchiale di San michele a Riva Valdobbia è considerata MONUMENTO NAZIONALE.

il viaggio in Alta Valsesia continuerà, alla scoperta dei tesori di queste montagne!

Altri articoli

Liguria splendida

Questo viaggio è dedicato ad ALBENGA, situata in provincia di Savona. Città affacciata sul mare e, allo stesso tempo, città “di terra”, data la vasta

Sensazioni in viaggio

Il viaggio ti trasforma. Serve anche a questo, secondo me. Quando ne intraprendo uno, non importa la destinazione, sono sempre in attesa della trasformazione. Chissà

ALLA CASCATA DEL TOCE

Il cielo è limpido, nessuna nuvola. Decidiamo di salire in Val Formazza (Pomattertal) e andare a vedere la Cascata del Toce. Dalla superstrada, usciamo a

L’ Abbazia di Novalesa

dei SS. PIETRO E ANDREA La Valle di Susa merita di essere visitata in maniera approfondita, non solo perché è incantevole dal punto di vista

Autore dell'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *