MERAVIGLIA DELL’ ALTA QUOTA

Mi trovo sulle Alpi Graie a quota oltre 2600 m, tra Piemonte e Valle d’ Aosta; più precisamente, tra Valle Orco e Valsavarenche.

Difronte a me il valico del Nivolet appare ancora soleggiato, pur essendo l’inizio di settembre. Il venticello sottile è piacevole. Tutt’intorno si stende la prateria alpina, interrotta da piccoli stagni e altrettanto ridotte torbiere.

Sono salita da Ceresole Reale percorrendo la SS 460, oltrepassando i bacini artificiali del lago Serrù e dell’Agnel, utilizzati per la produzione di energia elettrica.

lago Agnel

Con la bella stagione si può salire in auto, ma in luglio ed agosto la circolazione è vietata dalle 9,30 alle 18,00, dal Serrù al Nivolet. In primavera-inverno la strada viene chiusa al traffico (dal 15 ottobre al 15 maggio) per via della neve, che non viene rimossa.

Guido a passo d’uomo: non voglio disturbare, non voglio perdermi il meraviglioso paesaggio, non voglio scontrarmi con qualche animale selvatico. . .

Le cime sembrano sempre più vicine. Osservo i loro fianchi, ridotti in detriti e frane; osservo i ghiacciai ormai grigi e sempre più scarichi. Il ghiacciaio della Capra, sul lago Serrù, pare che dal 2003 al 2010 sia arretrato di 25,5 m!

lago Serrù- morene del ghiacciaio della Capra- Cima Oin e Cima della Vacca

Mi fermo, scendo dall’auto. Respiro profondamente l’aria pura, l’aria di montagna, l’aria “dell’ infanzia”.

Sulla soffice prateria i cardi cominciano a sfiorire, ma le marmotte continuano a nutrirsi per poter affrontare il lungo letargo. Il silenzio è rotto dal loro richiamo, mi hanno sentita . . . io, al contrario, devo fissare per vederle. Poco lontano uno sparuto gruppetto di stambecchi pascola in pace, concentrati sul loro pranzo. Non vedo camosci, penso che in effetti preferiscono zone boscose, pur frequentando anch’essi i pascoli in quota.

Resto lì, in contemplazione, ad assorbire quella pace, quella vita al rallentatore che si ripete da migliaia di anni, e mi interrogo sulla nostra che sfugge a ritmi innaturali. . .

Rimango così, a lungo, in verità starei tutta la notte, ma non vorrei allarmare qualche Guardiaparco, che sicuramente sa che ci sono. Quando lavoravo al Parco come Guida Naturalistica cosa si diceva ai visitatori? “ Voi non li vedete, ma loro vedono voi e vi controllano. . . “ e in effetti, il Servizio di Sorveglianza è molto attivo, per fortuna!

Decido di scendere, come sempre saluto la Natura, e mogia mogia comincio la discesa, a passo d’ uomo. . . triste per il distacco, ma forte del pieno di bellezza e di tranquillità che ho fatto.

Come cantava Paul Anka negli anni passati: “ ogni volta, ogni volta che torno/non vorrei non vorrei più partir/pagherei tutto l’ oro del mondo per potere restarmene qui. La mia casa è laggiù, ma il mio cuore sta qui. . . “ e così cantando arrivo a Ceresole. Alla prossima!

Altri articoli

ALLA CASCATA DEL TOCE

Il cielo è limpido, nessuna nuvola. Decidiamo di salire in Val Formazza (Pomattertal) e andare a vedere la Cascata del Toce. Dalla superstrada, usciamo a

L’ Abbazia di Novalesa

dei SS. PIETRO E ANDREA La Valle di Susa merita di essere visitata in maniera approfondita, non solo perché è incantevole dal punto di vista

La Sacra di San Michele

Sono tornata a visitare la Sacra di San Michele, all’ imbocco della Valsusa. Comincio da questa antica abbazia l’ itinerario dedicato all’ Arcangelo Michele, con

Dante

Quando si nomina Dante Alighieri il pensiero va immediatamente alla sua opera massima; la Divina Commedia. E’ soprattutto in ambito letterario che lo conosciamo e

Autore dell'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *