Quattro passi a Firenze cercando Dante

Per commemorare il settecentenario della morte di Dante Alighieri, abbiamo pensato ad viaggio articolato in due parti. La prima ci porterà in Toscana; la seconda si svolgerà a Ravenna, dove il Poeta visse gli ultimi anni e dove fu sepolto.

In Firenze passeggeremo per la città alla ricerca dei luoghi in cui Egli visse e operò. La città, dove nacque , la città che gli diede gli onori e la gloria, ma che seppe anche cacciarlo ed esiliarlo.

In Firenze Dante era conosciuto e stimato come intellettuale, benestante. Si dedicò alla vita politica, nel fragile e cruento momento delle lotte tra guelfi e ghibellini. Divenne priore; fu valido ambasciatore.

Proprio in questa veste fu inviato a San Gimignano, allora Comune molto potente e ricco.

Oggi, questa meravigliosa città, quasi ancora intatta, nella suo aspetto edilizio, tanto da essere considerata un esempio di architettura di età comunale, è patrimonio dell’ umanità Unesco.

Come sempre, non ci ridurremo ad un semplice spostamento per andare a vedere luoghi bellissimi, ma ripercorreremo la vita di uomo, famoso ancora oggi; un uomo illustre, abbastanza facoltoso, che ad un certo punto si vede sradicato dal proprio territorio, dai propri beni, dagli affetti e forzatamente, ingiustamente, deve allontanarsi.

Il nostro viaggio si snoda nei sentimenti, nelle aspettative di chi deve lasciare casa per sistemarsi altrove. . . il viaggio forzato, non di piacere. Un tipo di viaggio che ancora ai nostri tempi è praticato, ahimè!

Non trovate anche Voi?

Altri articoli

ALLA CASCATA DEL TOCE

Il cielo è limpido, nessuna nuvola. Decidiamo di salire in Val Formazza (Pomattertal) e andare a vedere la Cascata del Toce. Dalla superstrada, usciamo a

L’ Abbazia di Novalesa

dei SS. PIETRO E ANDREA La Valle di Susa merita di essere visitata in maniera approfondita, non solo perché è incantevole dal punto di vista

La Sacra di San Michele

Sono tornata a visitare la Sacra di San Michele, all’ imbocco della Valsusa. Comincio da questa antica abbazia l’ itinerario dedicato all’ Arcangelo Michele, con

MERAVIGLIA DELL’ ALTA QUOTA

Mi trovo sulle Alpi Graie a quota oltre 2600 m, tra Piemonte e Valle d’ Aosta; più precisamente, tra Valle Orco e Valsavarenche. Difronte a

Autore dell'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *